Michele Littamé

Archives: ottobre 2015

http://www.cooknbook.org

Posted on

non abbiamo mai ringraziato abbastanza la nostra amica che al Salone del Gusto del 2014 scrisse questo di noi:

http://www.cooknbook.org/2014/11/zuppa-di-fagioli-verdon-pomodori-regina.html

3) L’oca di Michele Littamé

Qui signori miei, siamo nel sublime andante. Ci troviamo ancora in Veneto e la storia dei fratelli Littamé è una di quelle da ascoltare. Andate sul loro sito, ne vale la pena. Non fosse altro per vedere la foto delle loro oche che razzolano libere, allevate a latte e miele. E il risultato parla chiaro. Una carne gustosa, trattata in modo esemplare così da conservare tutti gli umori, i sapori, grazie alla cottura a bassa temperatura, al condimento magistralmente scelto e dosato, alla conservazione sottovuoto. E’ di ieri l’inchiesta di Report sugli allevamenti illegali di oche nell’Europa dell’Est. Un pugno nello stomaco. Non sono riuscita a proseguire la visione. Per noi che abbiamo deciso di continuare a mangiare carne, è fondamentale sapere come sono allevati gli animali di cui ci nutriamo, conoscere le condizioni in cui vengono allevati, sapere di quali mangimi si nutrono, a quale tipo di trattamento sono sottoposti. Può sembrare una visione ipocrita la mia, dal punto di vista di chi non mangia carne, ma trovo che animali felici, allevati con rispetto e sottoposti ad una morte il più possibile indolore, possano rappresentare il giusto compromesso di fronte al ‘dilemma di noi onnivori’.
Tornando alle oche felici di Michele, sono arrivata al loro stand cotta di stanchezza, tant’è che un ragazzo che lavorava lì mi ha chiesto: “Ma lei è sempre così seria?”. Sono andata via sorridendo. Assaggi il primo boccone e fai pace con il mondo. Michele, che vedete in foto, è un attento produttore, timido, discreto. Insieme al fratello hanno deciso di abbandonare la tradizione famigliare di allevamento dei bovini in seguito allo scandalo della mucca pazza. Si sono rimboccati le maniche, hanno fatto tesoro dei saperi tramandati in famiglia e hanno iniziato ad allevare oche, con risultati sorprendenti. Bravi davvero.

ECCELLENZE VENETE AL FUORI EXPO

Posted on
 ci siamo anche noi!
ECCELLENZE VENETE AL FUORI EXPO
In occasione di Expo 2015, Confagricoltura Veneto ha scelto per il suo “fuori Expo” una magnifica location nel cuore di Milano: si tratta della Casa degli Atellani dov’è collocata la famosa “Vigna di Leonardo da Vinci”.
Casa degli Atellani è un palazzo del Quattrocento situato a pochi passi dalla Chiesa di Santa Maria delle Grazie, dove è esposto uno dei dipinti più famosi di Leonardo: l’Ultima Cena. Lo storico edificio, oltre ad essere uno spazio altamente significativo e rappresentativo, si trova in una delle zone più frequentate e turistiche di Milano, in Corso Magenta. Casa degli Atellani non è però solo un luogo di rappresentanza, ma con questa iniziativa Confagricoltura Veneto vuole promuovere il territorio e le sue imprese a Milano nel periodo di maggiore fermento di Expo 2015. Infatti, per due settimane dal 28 settembre al 11 ottobre 2015, il negozio di Confagricoltura ospiterà i prodotti e le aziende del Veneto inaugurando nel centro metropolitano il primo negozio di prodotti esclusivamente del nostro territorio. Saranno presenti: l’azienda agricola Michele Littame’ di Sant’Urbano (Padova) con Coscia d’oca “in onto” (presidio Slow Food), porchetta d’oca, tagliata di petto d’oca, e soppressa di maiale; i Risicoltori Polesani di Taglio di Po (Rovigo) con Riso Carnaroli, Riso Arborio e Risottini conditi; l’Allevamento Veneto Ovini di Anguillara Veneta (Padova) con Prosciutto di Pecora e, sottovuoto per mantenerne qualità e sapori, salame di pecora, bocconcini di pecora e sella di pecora; la Società Agricola Taflo di Pojana Maggiore (Vicenza) con, disidratato in cubetti per la migliore conservazione, Radicchio di Verona IGP, Radicchio di Chioggia IGP e tipica Verza in polvere; Villa Angarano di Bassano del Grappa (Vicenza) con bianco 2014 Breganze Vespaiolo doc, vino Ca’ Michiel 2010 vento chardonnay Igt, vino Quare di Angarano 2007 veneto cabernet Igt, vino San Biagio 2010 Breganze doc torcolato riserva; l’ Abbazia di Busco di Busco di Ponte di Piave (Treviso) con Portico prosecco extra dry Treviso doc, Capitolo pinot grigio Igt 2014, Chiostro cabernet Igt 2014; l’azienda Ca’ Rovere di Alonte (Vicenza) con Spumante metodo classico Ca’ Rovere brut, spumante Blanc de Blanc, spumante metodo classico Ca’ Rovere Demi sec; l’azienda Funghi Menin di Tisoi di Belluno con funghi porcini, champignon, finferli sott’olio, sughi di radicchio e pancetta, di radicchio e speck, di radicchio rosso, di “pastin alla boscaiola”, ragù di capriolo, cervo e cinghiale, conserve di zucca e zenzero, radicchio rosso al pepe e di sedano al finocchio, mostarda di cipolle viola, confetture di pere al vino, di zucca e brandy e di mirtillo selvatico; l’azienda agricola La Montecchia di Selvazzano Dentro (Padova) con Fior d’Arancio Colli Euganei DOCG Spumante, Pinot Bianco Colli Euganei DOC 2014, “Villa Capodilista” Rosso Colli Euganei DOC 2009, “Ireneo” Cabernet Sauvignon Colli Euganei DOC 2010, Portico prosecco extra dry Treviso doc, Capitolo pinot grigio Igt 2014 e Chiostro cabernet Igt 2014. Altre specialità e aziende si aggiungeranno nel corso del periodo della presentazione-degustazione e tali prodotti potranno essere acquistati presso il negozio e gustati anche nell’attiguo ristorante.
Lunedì 28/09/15

Golosaria 2015

Posted on

eccoci….ciao a tutti…..da un po’ di tempo che non metto news e cose varie, ma ora ci siamo!

per tutti gli amici di Milano nel fine settimana saremo con i nostri prodotti a Golosaria 2015.

littame_golosaria