Michele Littamé

News

Travel Food

Posted on

pubblichiamo questo articolo della nostra amica Antonietta Mazzeo!

grazie di cuore Antonietta!

littame_travelfood

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1331568656907512&set=pcb.1331569166907461&type=3&theater

 

 

 

 

 

 

Regali di Natale

Posted on

Vi ricordiamo che potete acquistare i nostri prodotti per i vostri regali di Natale 2016.

Potete acquistarli direttamente nel nostro punto vendita di Sant’Urbano, oppure nei locali nostri amici.

Oggi vi segnaliamo le Cassette regalo dell’Ostaria Nova di Este, ricche di cose buone del nostro territorio e ovviamente i nostri prodotti di Oca.

img_0932

img_0923

Grazie a tutti!

Premio Massimo Alberini

Posted on

Siamo onorati di comunicarvi che l’Accademia Italiana della Cucina ci ha assegnato il Premio Massimo Alberini http://www.accademia1953.it/it/content/premi-e-diplomi

Abbiamo festeggiato mercoledì 16 novrembre a cena a base d’Oca all’Ostaria Nova di Este

Premio “Massimo Alberini”
Intitolato al grande giornalista e storico della gastronomia, collega di Orio Vergani, presente alla fondazione dell’Accademia di cui è stato Vice Presidente D’Onore, è assegnato, a nome della Delegazione, a quegli esercizi commerciali che da lungo tempo, con qualità costante, offrono al pubblico alimenti di produzione propria, lavorati artigianalmente con ingredienti di qualità eccellente e tecniche rispettose della tradizione del territorio.

img_4980

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GRAZIE A TUTTI di CUORE!

suggerimenti per San Martino

Posted on

http://www.gustarepadova.it/images/pdf/A-CENA-CON-L-OCA-2016-31-locali-aderenti.pdf

cliccate sull’immagine e avrete l’elenco dei locali che partecipano all’iniziativa di APPE

a-cena-con-loca-2016

L’oca di San Martino in tavola, Appe rilancia una tradizione antica

Posted on

 

Cari amici vi segnaliamo questo bell’articolo uscito sul Mattino di Padova.

Salsa & Merende Renato Malaman

 

foto_home_3-1024x473ocaostra-veterefuoriporta“Chi no magna l’oca a San Martin nol fa el beco de un cuatrin”. Il vecchio proverbio è ancora molto in voga nella campagna veneta. La riscoperta della cena dell’oca a San Martino è recente. La si deve al ristorante Piroga di Selvazzano che per prima l’ha proposta in autonomia. Poi è diventata anche un patrimonio dell’Appe che alla tradizione ha dato la veste di una rassegna. Una rassegna a cui aderiscono ogni anno molti ristoranti padovani. In più l’Appe ha incoraggiato anche un dialogo fra ristorazione e produttori. In provincia, a Sant’Urbano, è attivo uno dei più grossi e affermati allevamenti di oche del Veneto: quello di Michele Littamè (nella foto), finito più volte anche in televisione per raccontare la sua esperienza. Ovvero della sua scelta di diversificare l’attività nel momento in cui allevando solo bovini si era trovato a fare i conti con la crisi di mercato dovuta a mucca pazza. Littamè in provincia è diventato un punto di riferimento sicuro nell’allevamento di oche e di prodotti trasformati: dal petto affumicato, al salame, ai vari tagli nobili. Ha rilanciato anche la tradizione dell’Oca in onto, che è diventata un presidio Slow Food.

Sono trentuno i ristoranti e venti le pasticcerie che tengono viva quest’anno per tutto il mese di novembre la tradizione di San Martino con l’oca e i dolci della tradizionale ricorrenza. L’appuntamento dell’autunno che unisce la tipicità e il sapore unico dell’oca padovana alla sapiente abilità dei cuochi e dei pasticceri padovani nel preparare i tipici dolci San Martino è arrivato alla tredicesima edizione su iniziativa dell’Appe, l’associazione provinciale pubblici esercizi. I ristoranti, 31 in tutto tra città e provincia, organizzano degli appuntamenti speciali con serate di gala durante le quali sarà possibile assaggiare un esclusivo menù degustazione che avrà per protagonista appunto l’oca, accompagnato da vini tipici del territorio.

Sul fronte delle pasticcerie, i Maestri Pasticceri si sbizzarriscono con l’oca, il cavallo e la spada di San Martino, i tipici dolci di novembre che richiamano la tradizione del santo a cavallo, con spada e martello.

Il dettaglio degli eventi, i nomi dei locali aderenti, ma anche le ricette a base d’oca e i dolci tipici sono disponibili sulla pagina Facebook “Gustare Padova”, e sul sito www.gustarepadova.it. Domani sera (11 novembre) cene di gala da Ballotta, Taparo, San Daniele da Serafino e Tavolozza a Torreglia; In Corte dal Capo a Conselve, Da Giovanni a Campodarsego, da Bertolini a Padova e Dal Contadino a Vo’.

ringraziamo il Mattino di Padova, Renato Malaman,  Appe e tutti i Ristoratori che portano avanti questa importante rassegna.

 

“M’ARRANGIO” 30 settembre 2016 ore 20.00 – Villa Pollini – Torreglia (PD)

Posted on

cartolina-marrangio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

M’ARRANGIO”

MUSICA JAZZ DEGUSTAZIONE VINI E PRODOTTI SLOW FOOD

30 settembre 2016 ore 20.00 – Villa Pollini – Torreglia (PD)

Una vita autonoma e un proprio ruolo nella società è un diritto di tutti.

L’art. 19 della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità lo esprime chiaramente.

Autonomia significa capacità di arrangiarsi e fare da sé, rileggendo e riadattando le proprie abilità e il contesto in modo nuovo e creativo, come nell’arrangiamento musicale.

Nasce così il 30 settembre nel Parco dei colli Euganei presso Villa Pollini a Torreglia (PD) l’evento “M’ARRANGIO” serata di jazz, vino e prodotti del territorio.

Il buono diventa ancora più buono: partecipare alla serata aiuterà a sostenere progetti di vita autonoma per persone con lieve disabilità grazie all’acquisto di un APPARTAMENTO in Centro Storico a Monselice.

Venerdì 30 settembre nell’incantevole cornice di Villa Pollini a Luvigliano, nel cuore dei Colli Euganei, insieme a Giovani e Amici Società Cooperativa Sociale, potremo sperimentare una serata di connessioni tra buono, bello ed etico. Accompagnati dalla musica dei Gipsy Thief, che propongono note jazz arrangiate gipsy, degusteremo vini e prodotti slow food.

Grazie alla collaborazione di importanti realtà locali, sarà possibile assaggiare alcune tra le migliori eccellenze enologiche e gastronomiche del territorio: tra i nostri partner l’azienda agricola Cà Ferri e la cantina Quota 101 di Torreglia, l’enoteca Villa Pollini, la cantina Dei Colli Tramonte di Teolo e l’Osteria Pan & Vin di Luvigliano, l’azienda agricola Michele Littamè di Sant’Urbano, la Trattoria Culatta di Montegalda, il caseificio Magnasame di Sant’Angelo di Piove di Sacco, il prosciuttificio Simonini Settecani di Modena, la pasticceria artigianale Veruska e Ale di Monselice; l’allestimento floreale sarà a cura della fioreria Tuttifiori di Pozzonovo.

Il ricavato dell’evento darà la possibilità a persone con disabilità di vivere in autonomia in un appartamento nel centro storico di Monselice.

Un’esposizione di foto e video, rispettivamente a cura di Franco Rubini e di Marta Viola, sottolineerà l’importanza dell’«abitare» in autonomia. L’evento aperto a tutta la cittadinanza, si terrà presso VILLA POLLINI Via C. Pollini, 4, Torreglia (Pd), a partire dalle ore 20:00.

«Desideriamo coinvolgervi in una serata piacevole, di qualità e utilità sociale dove potrete divertirvi e allo stesso tempo aiutare a migliorare la vita dei vostri concittadini in situazioni di difficoltà. La nostra mission può essere sintetizzata nella frase ‘Le tue opportunità, le nostre priorità’ – sottolinea Andrea Trevisani presidente di Giovani e Amici –. Proprio per creare opportunità di vita migliori alle persone con disabilità del nostro territorio, ci stiamo impegnando per avviare nuovi percorsi di vita indipendente, anche a Monselice, oltre a quelli già attivi a Terrassa Padovana».

INFORMAZIONI SULLA COOPERATIVA

Giovani e Amici Società Cooperativa Sociale con sede a Terrassa Padovana, da 27 anni gestisce servizi a favore delle persone con disabilità. Nello specifico la nostra attività riguarda:

  • Due Centri Diurni per persone con disabilità: «Argonauti» di Solesino e «Chiave di Volta» di Terrassa Padovana. Si tratta di servizi educativi e assistenziali volti a promuovere il mantenimento e lo sviluppo delle autonomie personali, sociali e occupazionali delle persone con disabilità del territorio.
  • Gruppi Appartamento «Il Trifoglio»: due nuclei di sei persone ciascuno a Terrassa Padovana, si tratta di servizi residenziali che rispondono al bisogno abitativo e di inserimento sociale delle persone con disabilità e buoni livelli di autonomie, impossibilitate a rimanere all’interno del loro nucleo familiare.
  • Servizi di assistenza domiciliare: volti a garantire risposte alle necessità assistenziali ed educative nel proprio contesto di vita.

Ci stiamo impegnando ad offrire ad altre persone la possibilità di sperimentare una vita autonoma con l’apertura di un nuovo nucleo di sei posti in un appartamento nel Centro Storico di Monselice. La serata che proponiamo cofinanzierà questo progetto.

La serata che avrà inizio alle ore 20.00 prevede un biglietto di ingresso di 25,00 Euro che comprenderà tre diverse degustazioni. Per approfondimenti: www.giovaniamici.org.

Vi invitiamo a prendere parte numerosi all’evento e a dare gentile conferma di partecipazione

16° festival della Cucina Italiana

Posted on

eccoci,

presenti anche quest’anno!

http://www.festivaldellacucinaitaliana.it/espositori/littame-oca-onto/

littame

 

 

 

 

 

I migliori salumi naturali – Littamé – vince il premio!!

Posted on

http://www.dissapore.com/spesa/i-migliori-salumi-senza-conservanti/

Provateci a raggiungere l’azienda di Michele Littamè: quando ci sono stata io mi sono ritrovata a girare nella campagna padovana maledicendo la mancanza di un navigatore satellitare. Esseri umani a cui chiedere, poi, neanche l’ombra.

Michele Littamè non si limita ad allevare le oche: le tratta come le maestre trattano i bimbi dell’asilo, le coccola e parla con loro. E le nutre con latte e miele, davvero. Ecco perché i suoi salumi d’oca hanno una dolcezza inattesa, anche in questo caso senza conservanti.

Assaggiate quanto più potete: petto affumicato, tagliata di petto d’oca, porchetta, collo ripieno e salame.

Se siete fortunati, come è capitato a me, una volta che ve ne andate, vedrete Michele in compagnia di un paio di oche, che vi saluta affettuosamente. Un’immagine per la quale Banderas e la sua Rosita potrebbero morire d’invidia.

——-

Materie prime di qualità, conservanti naturali (una concia di spezie, erbe aromatiche, vino, aglio, peperoncino e via dicendo), condizioni igieniche ottime, rispetto delle temperatura di produzione, una buona dose di pazienza per la stagionatura e la giusta quantità di sale ci salvano dall’uso di additivi nei salumi, poco salutari, responsabili di certi sapori troppo marcati e di un rosso che neanche la bocca di Dita Von Teese.

Togliamoci subito di torno la parte difficile: se ce l’avete ancora, recuperare il libro di chimica e cercate acido nitroso e nitrico.

Se invece, come me, subito dopo la maturità avete venduto quel libro, niente paura. Qui di seguito eccovi quanto serve sapere su nitriti e nitrati: il minimo indispensabile per affrontare, da appassionati di cose buone e non da nerd di laboratorio, la questione dei conservanti utilizzati per i salumi.

E per comportarsi di conseguenza preferendo norcini di nicchia e i nuovi salumi naturali.

Innanzitutto qualche nome in codice: i fratelli E-250 ed E-249 e l’altra coppia di amici E-251, E-252.

I primi – i nitriti – sono i sali di sodio e potassio dell’acido nitroso, i secondi i corrispondenti ma dell’acido nitrico. Presenti in natura, vengono utilizzati nella lavorazione delle carni conservate e negli insaccati per due motivi: donano e consentono alla carne di mantenere (più a lungo) un colore rosso e impediscono la produzione di botulino, batterio che produce tossine mortali per l’uomo.

A leggerla in questi termini sembrerebbe quindi che nitriti e nitrati siano indispensabili nel garantire la conservazione del nostro salame che ci aspetta tutto impettito sul tagliere: in realtà non è esattamente così.

 

Ecco perché vi tocca l’ultima precisazione noiosa prima della parte bella (chi non è interessato è autorizzato ad affilare il coltello e ad affettare il pane. Lo farei anch’io, ma sono bloccata in mezzo a molecole di sodio e potassio).

In alcune condizioni (quelle dell’ambiente acido dello stomaco) i nitriti danno origine a sostanze cancerogene chiamate nitrosammine. I nitrati, tanto buoni per conto loro, possono anch’essi – a causa dei batteri presenti nella saliva – trasformarsi in nitriti e riportarci nella situazione di un attimo fa.

Ecco dunque il problema: come possiamo noi amanti dei salumi di qualità, metterci al riparo da un consumo di conservanti non esattamente salutari? E, la domanda da porci ancora prima è: è possibile conservare senza ricorrere agli E-250, E-249, E-251 ed E-252?

La risposta, cari amanti dell’insaccato etico, non solo è positiva, ma – finalmente siamo arrivati alla parte più ghiotta – dà origine ad una lista di delizie rivoluzionarie in un mondo bloccato come quello dei salumi da appuntarsi in agenda.

Tirate fuori la vostra tovaglia a quadretti rossi e il fiasco di vino per l’occasione: si va a caccia della coscia perfetta, del lardo più languido e della soppressa più ruspante.

Meractino di Natale a Villa Angarano – Bassano del Grappa

Posted on

cari amici

vi invitiamo a visitare il mercatino di Natale di Villa Angarano……location BELLISSIMA!

seguite l’evento su: https://www.facebook.com/events/1510351695943177/

noi saremo li con alcuni prodotti….e il burger d’oca!

Locandina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Salone del turismo Rurale – Verona –

Posted on

cari amici pubblichiamo un articolo della nostra amica http://cucinalibriegatti.com

parla anche di noi…..ne siamo felici! GRAZIE di cuore e grazie al grande Consorzio del Soave e al Festival delle Basse!

Salone del Turismo Rurale:lo specchio di un’Italia che cambia

L’Italia sta cambiando e si sta risvegliando da quel torpore in cui era caduta per colpa della globalizzazione.

Così se da un lato c’è chi sostiene che il nostro paese senza Starbucks sia finito, dall’altro cresce costantemente il numero degli estimatori delle nostre eccellenze.

A Verona dal 5 al 8 novembre, nell’ambito della Fiera Cavalli, proprio per questi estimatori ha preso il via quest’anno il Salone del Turismo Rurale, un’iniziativa che risponde alle voglia crescente degli italiani di riscoprire i prodotti locali ma anche i produttori, sulla scia di un nuovo tipo di Turismo, completamente green, che coniuga una vacanza immersi nella natura con la riscoperta della ruralità, con il contatto con realtà spesso dimenticate, prodotti ed eccellenze bistrattati, che grazie alla nuova coscienza collettiva che si sta facendo largo in Italia rinascono a nuova vita e danno forza al nostro paese.

In questo senso il Salone si è rivelato un’incredibile vetrina per dare visibilità a tanti piccoli gioiellini nostrani e ai produttori alle loro spalle (200 espositori su una superficie espositiva di 15.000 mq). Impossibile parlare di tutti ma vi racconterò le cose che mi hanno colpita e toccata.

salone del turismo rurale 1

 

Parto da Michele Littamè e dalla sua Azienda Agricola Littamè di Padova, uno dei due unici presidi Slow Food italiani dell’ oca in onto. “In onto” indica la tecnica di conservazione della carne direttamente nel suo grasso. Diffusissima nelle campagne venete, ha cominciato a scomparire intorno agli anni 60′ con l’avvento dei primi frigoriferi e quindi, in buona sostanza, con il venir meno delle esigenze legate alle lunghe conservazioni. Il signor Littamè ha recuperato e ridato vita a questa tradizione. Il suo è allevamento piccolo e di qualità. Solo 3000 capi l’anno, allevati con grano e crusca di propria produzione.

Al Salone veniva proposto l’hamburger di oca e posso solo dirvi che il suo sapore era superlativo.

oca

http://www.cooknbook.org

Posted on

non abbiamo mai ringraziato abbastanza la nostra amica che al Salone del Gusto del 2014 scrisse questo di noi:

http://www.cooknbook.org/2014/11/zuppa-di-fagioli-verdon-pomodori-regina.html

3) L’oca di Michele Littamé

Qui signori miei, siamo nel sublime andante. Ci troviamo ancora in Veneto e la storia dei fratelli Littamé è una di quelle da ascoltare. Andate sul loro sito, ne vale la pena. Non fosse altro per vedere la foto delle loro oche che razzolano libere, allevate a latte e miele. E il risultato parla chiaro. Una carne gustosa, trattata in modo esemplare così da conservare tutti gli umori, i sapori, grazie alla cottura a bassa temperatura, al condimento magistralmente scelto e dosato, alla conservazione sottovuoto. E’ di ieri l’inchiesta di Report sugli allevamenti illegali di oche nell’Europa dell’Est. Un pugno nello stomaco. Non sono riuscita a proseguire la visione. Per noi che abbiamo deciso di continuare a mangiare carne, è fondamentale sapere come sono allevati gli animali di cui ci nutriamo, conoscere le condizioni in cui vengono allevati, sapere di quali mangimi si nutrono, a quale tipo di trattamento sono sottoposti. Può sembrare una visione ipocrita la mia, dal punto di vista di chi non mangia carne, ma trovo che animali felici, allevati con rispetto e sottoposti ad una morte il più possibile indolore, possano rappresentare il giusto compromesso di fronte al ‘dilemma di noi onnivori’.
Tornando alle oche felici di Michele, sono arrivata al loro stand cotta di stanchezza, tant’è che un ragazzo che lavorava lì mi ha chiesto: “Ma lei è sempre così seria?”. Sono andata via sorridendo. Assaggi il primo boccone e fai pace con il mondo. Michele, che vedete in foto, è un attento produttore, timido, discreto. Insieme al fratello hanno deciso di abbandonare la tradizione famigliare di allevamento dei bovini in seguito allo scandalo della mucca pazza. Si sono rimboccati le maniche, hanno fatto tesoro dei saperi tramandati in famiglia e hanno iniziato ad allevare oche, con risultati sorprendenti. Bravi davvero.

ECCELLENZE VENETE AL FUORI EXPO

Posted on
 ci siamo anche noi!
ECCELLENZE VENETE AL FUORI EXPO
In occasione di Expo 2015, Confagricoltura Veneto ha scelto per il suo “fuori Expo” una magnifica location nel cuore di Milano: si tratta della Casa degli Atellani dov’è collocata la famosa “Vigna di Leonardo da Vinci”.
Casa degli Atellani è un palazzo del Quattrocento situato a pochi passi dalla Chiesa di Santa Maria delle Grazie, dove è esposto uno dei dipinti più famosi di Leonardo: l’Ultima Cena. Lo storico edificio, oltre ad essere uno spazio altamente significativo e rappresentativo, si trova in una delle zone più frequentate e turistiche di Milano, in Corso Magenta. Casa degli Atellani non è però solo un luogo di rappresentanza, ma con questa iniziativa Confagricoltura Veneto vuole promuovere il territorio e le sue imprese a Milano nel periodo di maggiore fermento di Expo 2015. Infatti, per due settimane dal 28 settembre al 11 ottobre 2015, il negozio di Confagricoltura ospiterà i prodotti e le aziende del Veneto inaugurando nel centro metropolitano il primo negozio di prodotti esclusivamente del nostro territorio. Saranno presenti: l’azienda agricola Michele Littame’ di Sant’Urbano (Padova) con Coscia d’oca “in onto” (presidio Slow Food), porchetta d’oca, tagliata di petto d’oca, e soppressa di maiale; i Risicoltori Polesani di Taglio di Po (Rovigo) con Riso Carnaroli, Riso Arborio e Risottini conditi; l’Allevamento Veneto Ovini di Anguillara Veneta (Padova) con Prosciutto di Pecora e, sottovuoto per mantenerne qualità e sapori, salame di pecora, bocconcini di pecora e sella di pecora; la Società Agricola Taflo di Pojana Maggiore (Vicenza) con, disidratato in cubetti per la migliore conservazione, Radicchio di Verona IGP, Radicchio di Chioggia IGP e tipica Verza in polvere; Villa Angarano di Bassano del Grappa (Vicenza) con bianco 2014 Breganze Vespaiolo doc, vino Ca’ Michiel 2010 vento chardonnay Igt, vino Quare di Angarano 2007 veneto cabernet Igt, vino San Biagio 2010 Breganze doc torcolato riserva; l’ Abbazia di Busco di Busco di Ponte di Piave (Treviso) con Portico prosecco extra dry Treviso doc, Capitolo pinot grigio Igt 2014, Chiostro cabernet Igt 2014; l’azienda Ca’ Rovere di Alonte (Vicenza) con Spumante metodo classico Ca’ Rovere brut, spumante Blanc de Blanc, spumante metodo classico Ca’ Rovere Demi sec; l’azienda Funghi Menin di Tisoi di Belluno con funghi porcini, champignon, finferli sott’olio, sughi di radicchio e pancetta, di radicchio e speck, di radicchio rosso, di “pastin alla boscaiola”, ragù di capriolo, cervo e cinghiale, conserve di zucca e zenzero, radicchio rosso al pepe e di sedano al finocchio, mostarda di cipolle viola, confetture di pere al vino, di zucca e brandy e di mirtillo selvatico; l’azienda agricola La Montecchia di Selvazzano Dentro (Padova) con Fior d’Arancio Colli Euganei DOCG Spumante, Pinot Bianco Colli Euganei DOC 2014, “Villa Capodilista” Rosso Colli Euganei DOC 2009, “Ireneo” Cabernet Sauvignon Colli Euganei DOC 2010, Portico prosecco extra dry Treviso doc, Capitolo pinot grigio Igt 2014 e Chiostro cabernet Igt 2014. Altre specialità e aziende si aggiungeranno nel corso del periodo della presentazione-degustazione e tali prodotti potranno essere acquistati presso il negozio e gustati anche nell’attiguo ristorante.
Lunedì 28/09/15

Golosaria 2015

Posted on

eccoci….ciao a tutti…..da un po’ di tempo che non metto news e cose varie, ma ora ci siamo!

per tutti gli amici di Milano nel fine settimana saremo con i nostri prodotti a Golosaria 2015.

littame_golosaria

 

 

 

 

 

Salone del Gusto 2014……un successo senza precedenti!

Posted on

Ci dobbiamo ancora riprendere dal tour de force del Salone……siamo ancora stanchi!!!

Questo nostro messaggio per dire GRAZIE di cuore a tutti, senza escludere nessuno! Agli organizzatori, ai meravigliosi personal shopper, grazie al pubblico, grazie alle blogger.

un sentito e sincero GRAZIE.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Salone del Gusto 2014 “Personal shopper”

Posted on

Al Mercato con i Personal Shopper

siamo felici di comunciarvi che siamo all’interno delle aziende scelte, per i tour dei personal shopper del Salone del gusto.

Una passeggiata tra le eccellenze gastronomiche di tutto il mondo con il vostro Personal Shopper. Le prenotazioni online sono disponibili sul sito della Condotta Unisg

Avete mai assaggiato un lonzino? E una piattella? Questo e molto, moltissimo, altro si trova nel grande Mercato del Salone del Gusto e Terra Madre 2014: oltre mille espositori, segnalati dalla nostra rete presente sul territorio. Una selezione unica che ogni due anni permette ai visitatori dell’evento di assaggiare, scegliere e portare a casa cibi che provengono da ogni angolo del globo. Le abbiamo pensate proprio tutte per potervi presentare il meglio della biodiversità e dell’enogastronomia mondiale. Dopo l’esordio del 2012, anche in questa edizione sono protagoniste le Comunità del cibo, con le proposte degli artigiani, pescatori, contadini, allevatori e cuochi della rete di Terra Madre che partecipano all’evento a fianco dei Presìdi Slow Food e degli espositori in arrivo da tutto il mondo. Tre sono i padiglioni del Lingotto Fiere (1, 2 e 3) dedicati al Mercato italiano diviso per regioni e territori, mentre trovate il Mercato internazionale all’Oval. Preparatevi dunque a una bella passeggiata tra gli stand, dove incontrare e conoscere produttori e artigiani, approfondire le filiere più interessanti, sperimentare nuovi sapori e nuove idee. E per non farvi mancare niente, a grande richiesta tornano anche quest’anno i Personal Shopper, un progetto della Condotta Slow Food dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo: studenti qualificati che vi accompagnano tra le bancarelle per guidarvi in un tour per scoprire e imparare. Siete impazienti di imbattervi nei prodotti enogastronomici più strani, di rimanere affascinati dalle tipicità regionali, di parlare direttamente con le mani esperte che producono il cibo che ogni giorno mangiamo? Allora affidatevi allaconoscenza degli studenti dell’Università di Scienze Gastronomiche che al Salone del Gusto e Terra Madre 2014 diventano veri e propri Personal Shopper, pronti ad accompagnarvi in un tour irripetibile tra le bancarelle del Mercato, per ribaltare la prospettiva dalla quale si guarda abitualmente il mondo del cibo. Quest’anno vi proponiamo tre diversi percorsi in compagnia dei nostri Personal Shopper

 http://condotta.wix.com/condottaunisg#!booking/c1lgc

 

 

Festa d’Estate della Stampa Estera di Milano

Posted on

Pubblichiamo per conocenza e ringraziamo l’associazione della stampa estera.

 http://www.stampaestera.it/ita/eventi/361/sogno_di_una_notte_di_(quasi)_estate…/

Festa d’Estate 2014

Gentile MIchele Littamè Grazie!

La festa è stata un successo… speriamo di fare cosa gradita inviandoti le foto e il video della serata La Festa d’Estate della Stampa Estera di Milano, il nostro momento dell’anno atteso, apprezzato e divertente, ha avuto luogo Mercoledì 11 giugno nella bella cornice del Chiostro del Museo Diocesano, alla piacevole presenza di più di 500 ospiti.

È stato un vero successo, confermandosi sempre di più come un momento importante di aggregazione per il mondo della comunicazione milanese e non solo.

Quest’anno il filo conduttore è stato la Regione Veneto con le sue prelibatezze, i suoi prosecchi e non solo, il Doge che ci ha accolto, le maschere venete, i giocolieri per i bambini… il tutto accompagnato dalla musica di Vivaldi, ed impreziosito dalla visita guidata ai capolavori custoditi dal Museo. Arrivederci all’anno prossimo!

Il Consigliere Delegato Philip Webster e il Comitato Direttivo

Salone del Gusto 2014

Posted on

Anche in questa edizione saremo presenti al Salone del Gusto di Torino.

Saremo al Pad.1 stand E008.

Anche in questa occasione con piacevoli novità!

Vi aspettiamo!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oca burger ideato da Michele Littamé

Posted on

 Per la ricetta? ai più curisosi rispondiamo via mail!

 

 

 

 

L’oca di Michele Littamé a Rimini

Posted on

nei giorni 5-6-7- settembre potete trovarci con golose novità al ” Festival della Cucina italiana ” in programma a Rimini.

Vi Aspettiamo!

 

 

Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo in visita all’azienda Littamé

Posted on

Lunedì 20 Gennaio, un importante gruppo di Studenti, della prestigiosa Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo – Bra – Cuneo, fa visita all’Azienda Agricola dei Fratelli Littamé. Gli studenti, in maggior parte stranieri,  sono in Veneto per conoscere direttamente alcune produzioni enogastronomiche d’eccellenza. Da Littamé vogliono conoscere e vedere le fasi di lavorazione per la produzione dei prodotti d’Oca.

www.unisg.it/

 

 

 

 

FUORI DI GUSTO – LA7 –

Posted on

Fuori di Gusto di LA7 con Fede e Tinto tra le oche di Michele Littamé.

Domenica 10 febbraio 2013.

Potete vedere il video a questo indirizzo: http://www.la7.it/fuoridigusto/pvideo-stream?id=i663659

 

Nuovo mercato contadino Vigorovea di Sant’angelo di Piove – Padova –

Posted on

Sabato 15 dicembre 2012 abbiamo inaugurato il nuovo mercato del contadino – vendita diretta dei produttori agricoli a Vigorovea di Sant’angelo di Piove – Padova –

Puoi trovare i nostri prodotti, direttamente al nostro banchetto, nei giorni di  mercoledì mattina e sabato mattina.

Chiamaci per info

TECNO FOOD 2012 video intervista

Posted on

Video intervista in occasione di Tecno Food 2012  Padova –

 

 

MICHELE LITTAME’ al Ristorante La Famiglia di Correzzola

Posted on

All’interno dell’intervista realizzata ai proprietari del Ristorante la Famiglia, c’è un intervista anche a Michele Littamé.

 

 

Salone del Gusto – Torino – 2012

Posted on

Siamo presenza storica al Salone del Gusto di Torino con il Presidio dell’Oca in “onto”.